Liebster award – confessioni TAG

Ringrazio Ciliegina per la menzione d’onore del tutto inaspettata, e raccolgo l’invito a partecipare a questo gioco di TAGconfessioni.

Invito a visitare il blog di Ciliegina https://argentoblu.wordpress.com/ , vi travolgerà di sensazioni primaverili!

E ora rispondo sinceramente.

  • Dal mio blog non mi aspetto nulla, se non lo sfizio di scrivere qualcosa quando mi va e magari scoprire che qualcuno apprezza.
  • In un certo senso vorrebbe essere un diario segreto…
  • Mi piace la musica stile hard rock goticheggiante
  • Stracciatella
  • Blu
  • Pizza, importante pomodoro mozzarella e piccante!
  • La primavera e le sue speranze
  • Tendenzialmente metallaro.
  • Più che un progetto un sogno d’amore.
  • La professione sicuramente, ho scoperto che dover essere molto razionale mi deprime alquanto
  • Vivi e lascia vivere.

    per le domande attingo a piene mani dal buon Proust:

    1. Qual è la qualità che apprezzi in un uomo?
    2. Qual è la qualità che apprezzi in una donna?
    3. Cosa apprezzi di più dei tuoi amici?
    4. Il tuo peggior difetto?
    5. Ti senti bene nel tuo corpo?
    6. Un dono che vorresti avere?
    7. Come vorresti morire?
    8. Come ti senti attualmente?
    9. Amore o amicizia?
    10. Corpo o mente?
    11. Nudo o vestito?

E ora le mie nomine:

https://imieialtiebassi.wordpress.com/

https://ildarkdentrodite.wordpress.com/

https://sherazade2011.wordpress.com/

https://tramineraromatico.wordpress.com/

https://ladimoradelpensiero.wordpress.com/

https://vivereesognare.wordpress.com/

https://giovannamancusi.wordpress.com/

https://pensieriloquaci.wordpress.com/

Annunci

Il “Dolce far niente” di J.W. Godward

John William Godward dipinge in Inghilterra tra la fine dell’Ottocento ed i primi del Novecento; ritrae bellissime donne, abiti fluenti, marmi sontuosi e dolcissimi paesaggi classicheggianti.

Sconosciuto dalle nostre parti e spesso assimilato alla corrente preraffaellita, è in realtà un tardo neoclassico, sulla scia di Alma Tadema.

Secondo me nessun altro pittore rende come lui la placida beatutudine estatica di essere fuori dal flusso degli eventi e del caos, e di crogiolarsi proprio nell’ozio più godurioso. “Dolce far niente” racconta una sensazione, il riposo senza senso di colpa, quel momento in cui non c’è pensiero, che non è sonno ma forse sogno ad occhi aperti.

Il “fare niente” è uno dei desideri più comuni, il desiderio di liberarsi dagli affanni del quotidiano, di fermarsi ed essere sereni, senza pensiero per ciò che verrà, essere nel “qui ed ora”.

Lo trovo davvero la panacea per il caos dei nostri tempi, riuscire a ritagliarsi uno spazio per sé, senza pensieri, circondati solo da visioni di bellezza estatica senza tempo.